Mare al mattino - Margaret Mazzantini

Non so dirvi con esattezza quando o perché ho deciso di leggere Mare al mattino, so solo che ad un certo punto me lo sono trovata tra le mani, curiosa di iniziarlo e di scoprire finalmente la Mazzantini, autrice famosissima che da tempo ero decisa a leggere. 
Da questa breve storia mi aspettavo, credo, delle emozioni intense e delle riflessioni profonde, un racconto che mi lasciasse un'impronta indelebile.. ma purtroppo ne sono rimasta molto delusa, e anche un tantino confusa. Mi sono trovata davanti a due vite, quella di Farid e quella di Vito, che pur lontanissimi in qualche modo si intrecciano.. solo che, purtroppo, lo fanno in modo davvero poco coinvolgente, senza capo né coda, e che personalmente non ho davvero apprezzato. Questo libro è un brevissimo e caotico miscuglio di pensieri, flashback, riflessioni e attimi di vita, ma che tra loro non legano abbastanza da creare quel filo logico e interessante capace di tenere il lettore incollato alle pagine.. o almeno, non per quanto riguarda me. 
Darò sicuramente un'altra possibilità alla Mazzantini, perché mi rifiuto di pensare che questo sia il suo meglio.. peccato però, speravo di trovare in Mare al mattino una piccola perla da custodire con gelosia, invece si è rivelato affrettato e insignificante.