Il giardino degli incontri segreti - Lucinda Riley, Luisa Maldera

Solitamente non leggo romanzi d'amore, anzi, a dirla tutta credo che Il giardino degli incontri segreti sia il primo vero e proprio libro del genere che entra a far parte della mia libreria. Sarà l'estate? La gravidanza, gli ormoni? Non importa, qualunque sia il motivo che mi ha spinta a leggerlo, ne sono felice. 
Nonostante il libro sia piuttosto corposo ha il pregio di farsi leggere molto in fretta grazie allo stile scorrevole e leggero dell'autrice, che è riuscita a mischiare in modo eccellente amore, segreti e tradimenti. Se tutti questi elementi vi hanno fatto pensare ad una soap opera, però, vi dico fin da subito che tra le pagine non troverete solo amore e melodrammi. 
La storia tratta anche di temi importanti, a partire da Julia, la protagonista, che dopo la perdita delle due persone più importanti della sua vita si vede costretta a rialzarsi in piedi, a tornare a vivere, fino ad arrivare al misterioso diario ritrovato da Kit, che riporterà a galla gli eventi di una seconda guerra mondiale, che di leggero non ha proprio niente. 
Un romanzo, quindi, che amalgama molti temi, e che di certo non lascia nessuno a bocca asciutta. 
Mi sono piaciute molto le descrizioni, l'importanza delle orchidee (presenti anche sulla copertina del romanzo) e, naturalmente, Wharton Park, la grande e incantevole tenuta che fa da sfondo a tutta la storia, presente e passata, dei personaggi. Un'ambientazione quasi fiabesca, romantica, drammatica e che profuma di fiori e di segreti. 
Qualche difetto lo si può trovare comunque, come ad esempio il fatto che Julia, dopo la morte delle persone a lei care, trascorre nove mesi da sola in un piccolo cottage, ma dopo l'incontro con Kit sembra riprendersi dal lutto in men che non si dica. 
In generale mi sento di consigliare questa lettura alle ragazze romantiche e a chi cerca un romanzo scorrevole e rosa, ma non banale. Ottimo per l'estate.