Nel tempo del sogno ogni cosa è possibile..

Il mulino dei dodici corvi - Otfried Preußler

Il Mulino dei Dodici Corvi è un libro che conosco davvero da tanti anni.. quando ero piccola girava per casa la copia di mia madre, che più volte mi aveva consigliato di leggerlo. Purtroppo la copertina mi metteva un'ansia terribile, e così me ne sono tenuta a debita distanza.. tra i 9 e i 14 anni ho letto praticamente tutti i libri presenti in casa, tranne quello. Fino a quando, poche settimane fa, in televisione hanno messo il film del 2008 tratto proprio da questo libro, intitolato Krabat-Il Mulino dei Dodici Corvi, e ho deciso che era arrivato il momento di leggerlo.

Questo romanzo viene etichettato in due modi: Dark Fantasy o fiaba nera.. sebbene entrambi siano adatti, io continuo a considerarlo una fiaba cupa, perché durante la lettura si sente davvero l'aria fiabesca, per quanto inquietante. Che dire, sarebbe stato interessante vedere un lavoro di Tim Burton basato su questo libro. 
La trama è senza dubbio interessante e originale, e durante la lettura il Mulino sembra prendere vita insieme alla Macina Morta e a tutti i suoi segreti.. Krabat ci trascina letteralmente in un luogo misterioso e irto di pericoli, dove la magia nera viene insegnata dal Maestro ai suoi dodici allievi, trasformati un corvi durante le lezioni. 
Una delle cose che ho apprezzato di più è stato il modo in cui l'amore viene utilizzato.. nonostante alla base di tutta la storia ci sia una ragazza, fondamentale per il libro, durante la lettura si parla di amore per sì e no quattro righe, cosa che rende il romanzo adatto anche ad un pubblico maschile, anzi, io lo consiglio in particolare ai lettori, anche se la trovo una storia imperdibile anche per le ragazze. 
Un altro pregio del libro è sicuramente lo stile dell'autore, fluido ma mai banale, che rende la lettura estremamente veloce, aiutato anche dai capitoli ben pensati e ben impostati. 
Ottimi i personaggi, ben caratterizzati e particolari, capaci di farsi amare, odiare e perfino temere.. 
Fantastica l'ambientazione del Mulino, cupa e misteriosa al tempo stesso. 
Una piccola pecca è il finale, che purtroppo risulta molto affrettato.

Un romanzo che tratta di temi importanti come la guerra, la libertà e il potere dell'amore, la guerra e la morte, una storia capace di restare nel cuore e di far riflettere. 
Accompagneremo Krabat attraverso scelte difficili, come quella della magia e dell'amicizia, imparando qualcosa anche noi sull'importanza della lealtà e del coraggio.