Una favola delicata come lo zucchero a velo e fresco come il sorbetto al limone..

Giorni di zucchero, fragole e neve - Sarah Addison Allen

Che cosa fareste, voi, se una mattina come tante altre trovaste nascosta nel vostro guardaroba una donna? E se la donna in questione avesse scoperto il vostro segreto e vi stesse ricattando? 
Questo è esattamente ciò che succede alla 27enne Josey Cirrini. Qual è il suo segreto? Dentro al suo guardaroba c'è una porta scorrevole che nasconde montagne di dolci: cioccolata, muffin, biscotti alla crema e marshmallow.. dolci che Josey mangia di nascosto, per non farsi scoprire dalla madre. 
Ma cosa succederà quando grazie ai consigli di Della Lee, la donna dentro al guardaroba, Josey inizierà a vivere davvero la sua vita, facendosi degli amici e scoprendo che al di fuori di quella casa lussuosa nella quale la madre l'aveva confinata, esiste un un mondo pieno di sapori, colori ed emozioni? 
E cosa ci fa realmente Della Lee nel suo guardaroba?

Una storia frizzante e dolce, non c'è dubbio. 
Una cosa che mi preme dire subito è che ci mette un po' ad ingranare.. la prima metà del libro è stata piacevole, ma continuavo a chiedermi dove volesse andare a parare l'autrice.. non riuscivo proprio ad inquadrare la storia. Però nella seconda metà migliora di gran lunga! Colpi di scena a non finire, belle situazioni e un finale sorprendente! Questo ci tenevo a dirlo perché ho da poco scoperto che due amiche lo hanno abbandonato dopo le prime 100 pagine, ritenendolo un po' piatto.. bé, lo pensavo anche io, ma mi sono dovuta ricredere.
Lo stile dell'autrice è semplice e scorrevole, ottimo per chi ha voglia di una storia dolce e leggera, consigliato a chi vuole sorridere. 
I personaggi sono molto ben caratterizzati, con i loro pregi ma anche con i difetti. La protagonista, Josey, ha 27 anni, ma è come se ne avesse 10: non si ribella alla madre, non risponde, non osa. Subisce, sempre e comunque. Certo, con l'arrivo di Della Lee Josey impara ad aprirsi e a farsi valere, ma per buona parte del libro l'avrei scrollata per bene ^^" 
Mi è piaciuta invece molto la sua amica Chloe, che ho trovato molto naturale e simpatica. 
Come ho già detto la trama inizialmente sembra un po' piatta, ma con l'andare avanti prende un buon ritmo, e nonostante non sia un Urban Fantasy gli elementi magici non mancano: libri che appaiono e scompaiono, colori portafortuna, olio di menta per scacciare le presenze cattive e thé di ortica per prendere decisioni. 
Una favola delicata come lo zucchero a velo e fresco come il sorbetto al limone, da leggere tutta d'un fiato!